Plastic e Sugar tax, Busi: “Da troppo tempo tengono in ostaggio imprenditori e lavoratori”

20 Ottobre 2023 pubblicato in Attualità


«Plastic e Sugar Tax: siamo al sesto rinvio. Un nodo che ancora non è stato sciolto e che ogni anno, puntualmente, disallinea i nostri piani di sviluppo incombendo come una minaccia sul futuro.Queste tasse ormai da troppo tempo tengono in ostaggio imprenditori e lavoratori, rallentando la programmazione e destando forte preoccupazione. Assobibe, associazione di Confindustria che rappresenta i produttori di bevande analcoliche in Italia ha già rilanciato sull’urgenza di una cancellazione definitiva per allentare lo stato di incertezza che grava sul comparto. Una promessa a sostegno delle imprese arrivata da più parti, ma rimasta sempre sulla carta. Se Sugar e Plastic Tax dovessero entrare in vigore a luglio del 2024, Sibeg – che in Sicilia pesa lo 0,04% del PIL, generando 36 milioni di reddito sul territorio – oltre a un inevitabile calo di vendite del 30%, con importanti ricadute sul fatturato e con 151 posti di lavoro a rischio, sarebbe costretta a unaumento dei prezzi al consumo (su bevande vegetali, succhi, the e bibite analcoliche) del 25%, proprio nei mesi di alta stagione. Dopo questo trimestre anti-inflazione avremmo uno scenario inverosimile e inaffrontabile, che è necessario scongiurare per preservare da un lato gli investimenti, dall’altro una contrazione degli acquisti di materie prime. Chiediamo ancora una volta un intervento urgente per cancellare Sugar e Plastic tax: basta con le proroghe, che non fanno altro che prolungare un attesa che si protrae ormai dal 2019», così Luca Busi, Amministratore delegato di Sibeg Coca-Cola – azienda siciliana che dal 1960 produce, imbottiglia, sviluppa e distribuisce nell’Isola in esclusiva le bevande di The Coca-Cola Company – alla notizia dell’ennesima proroga a 6 mesi (luglio 2024) delle due tasse che bloccano gli investimenti di una delle più importanti dorsali industriali del Paese.






redazione@latribunadiroma.it

LA TRIBUNA DI ROMA Testata periodica ai sensi dell’art. 3-bis del Decreto Legge 103/2012

direttore responsabile
Tristano Quaglia

direttore editoriale
Paolo Miki D'Agostini

editore Associazione Nuova Rinascenza C.F. 96476870587

via Ghibellina 42 FIRENZE 50122